Mike, il gallo senza testa

Si chiamava Mike il gallo passato alla storia per esser sopravvissuto 18 mesi senza testa.
Decapitato il 10 settembre del 1945 da Lloyd Olsen, il povero animale
continuò a razzolare inspiegabilmente nel cortile sbigottendo lo stesso
boia. Il giorno successivo il padrone del pennuto decise di fare un
esperimento: nutrire il gallo con grano macinato e acqua iniettando il
pappone con un contagocce direttamente nell’esofago.
Alcuni dissero si trattava di un miracolo ma tutto
ciò fu possibile per un bizzarro errore di macellazione. Sia la
giugulare che il bulbo cerebrale, quello che controlla i riflessi, non
furono lesi. Risultato? Mike divenne rapidamente un’attrazione da circo
e rese ricco il suo carnefice! Il gallo, a seguito di una crisi
respiratoria, morì, stavolta in maniera definitiva, in una stanza
d’albergo nel marzo del 1947.
Advertisements

4 Responses to “Mike, il gallo senza testa”


  1. 1 Alessia25 October 31, 2005 at 11:31 pm

    orripilante, da brivido

  2. 2 nesso October 31, 2005 at 11:36 pm

    perfetto per la notte di Halloween! 🙂

  3. 3 Alessia25 November 1, 2005 at 12:03 am

    ahauahauah si è vero, hai ragione, nn ci avevo pensato.
    Chissà se per ora c’è in giro qualcuno travestito da gallo senza testa O.O farebbe storia 😛
    Ale

  4. 4 nesso November 1, 2005 at 12:09 am

    è il mio costume… come hai fatto ad indovinare?!?! 🙂

    Spero solo che la fobia dell’influenza aviaria non porti qualche sconsiderato a darmi la caccia stanotte!


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




tweets


%d bloggers like this: